Skip to main content

Available courses

CORSO DI PREPARAZIONE ALLE PROVE SCRITTE DEL CONCORSO
DIRETTORE SGA (DSGA) 2019

5 lezioni di 5 ore, per un totale di 25 ore Orario: dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 16

Sede : CISL SCUOLA LAZIO  Via Santa Croce in Gerusalemme, 107 

Formatori:  Anna Armone - Michele Candita - Susanna Granello

1^ lezione: sabato 31 agosto 2019 - Michele Candita

TEMATICA: La gestione finanziaria: programmazione e rendicontazione

2^ lezione: domenica 1 Settembre  Susanna Granello 

TEMATICA: L’organizzazione dell’ufficio di segreteria e del personale ATA

3^ lezione: domenica 8 settembre 2019 - Anna Armone

TEMATICA: L’azione amministrativa, con particolare riferimento alle istituzioni scolastiche

4^ lezione: sabato 14 settembre 2019 - Susanna Granello

TEMATICA: La gestione patrimoniale: i principi giuridici e gli strumenti formali

5^ lezione: DATA DA STABILIRE - Michele Candita

TEMATICA: L’attività negoziale

Il Ministero della Pubblica Istruzione intende bandire, entro l’estate, il concorso ordinario per la scuola secondaria di primo e secondo grado e il concorso ordinario per la scuola dell’infanzia e primaria.  

Cisl Scuola e IRSEF IRFED LAZIO propongono un corso di formazione in presenza nei diversi territori del Lazio,  supportato da un corso on line su questa piattaforma nel quale sarà possibile trovare tutti i materiali del corso e dei docenti,  più molti approfondimenti sugli argomenti del bando

CONCORSO SCUOLA

IRSEF/IRFED LAZIO in collaborazione con IRSEF IRFED NAZIONALE mette a disposizione dei candidati alla “Selezione del personale docente ed Ata da destinare all'estero” utili risorse in vista del colloquio, in aggiunta ai materiali già presenti nel corso ON LINE di DIDATTICA INTERCULTURALE:

1.    conoscenza del funzionamento del sistema scolastico italiano all'estero

2.    conoscenza degli strumenti della promozione culturale dell’Italia nel mondo

3.    conoscenza della normativa sul servizio all'estero del personale della scuola.

 


Corso in e-learning destinato al personale scolastico sulla parte generale del D.Lgs. 81/2008

Prova orale del concorso nazionale, per titoli ed esami, finalizzato al reclutamento di dirigenti scolastici presso le Istituzioni scolastiche statali (D.D.G. n. 1259, del 23/11/2017)

 Il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti, ha firmato il decreto di distribuzione alle Università dei 14.224 posti disponibili per l’anno accademico 2018/2019 per le specializzazioni sul sostegno.  

L’IRSEF-IRFED LAZIO, in collaborazione con la CISL SCUOLA LAZIO, supporta i candidati in un percorso di preparazione alle prove d’accesso  ai percorsi di SPECIALIZZAZIONE SUL SOSTEGNO che prevede 6 incontri in presenza per complessive 18 ore ed accesso ai materiali disponibili su piattaforma di e_learning.   

Le prove di accesso sono costituite da un test preliminare, da una o più prove scritte ovvero pratiche e da una prova orale, predisposte dagli atenei secondo le disposizioni di cui all'articolo 4 del decreto 8 febbraio 2019, n.92.


L'IRSEF IRFED LAZIO  organizza un corso di formazione per i docenti che intendano intraprendere un percorso di crescita professionale che li porti a comprendere la complessità del "sistema scuola”, anche alla luce delle recenti innovazioni legislative, percorso  utile anche per la preparazione al  concorso per dirigenti scolastici.

All'interno del corso troverete i materiali del corso ACCESSO CIVICO rivolto ai DIRIGENTI SCOLASTICI

per informazioni inviare una mail a: irsef.irfed.lazio@gmail.com


IRSEF IRFED NAZIONALE  e IRSEF IRFED FROSINONE propongono il corso on line BES Bisogni Educativi Speciali ed inclusione.

In ogni classe ci sono alunni che presentano una richiesta di speciale attenzione per una varietà di ragioni: disabilità, svantaggio sociale e culturale, disturbi specifici di apprendimento e/o disturbi evolutivi specifici, difficoltà derivanti dalla non conoscenza della cultura e della lingua italiana perché appartenenti a culture diverse [...]”.  L'utilizzo dell'acronimo BES sta quindi ad indicare una vasta area di alunni per i quali il principio della personalizzazione dell'insegnamento, sancito dalla Legge 53/2003, va applicato con particolari accentuazioni in quanto a peculiarità, intensività e durata delle modificazioni. Questo corso può essere un valido strumento di supporto ai docenti per riconoscere questi "bisogni" e per intervenire in classe con una didattica individualizzata e personalizzata, prevedendo l'uso di strumenti compensativi e dispensativi e  di adeguate forme di verifica e di valutazione.


La didattica e la valutazione per competenze sono divenute centrali nella scuola italiana. Inoltre, un modello di certificazione unico per la scuola di Primo Ciclo e alla fine dell'obbligo scolastico pone diversi bisogni alle scuole e ai singoli docenti che questo corso ha l'obiettivo di colmare. 

Il corso si concentra soprattutto sugli aspetti meno chiari di questa attività: la progettazione di unità d'apprendimento e la valutazione delle competenze. Attraverso un percorso per livelli crescenti e con continui riferimenti alla pratica scolastica quotidiana, il corso permette di acquisire capacità progettuali e modalità didattiche che favoriscono una lezione innovativa, in grado di rispondere alla sfida che la società pone alla scuola di oggi e che il Ministero invita ad accogliere. 

Video lezioni, presentazioni multimediali e documenti testuali forniscono un apparato completo, in grado di rispondere ad ogni necessità e dubbio. Un forum dedicato invece consente di interagire con gli altri docenti che operano sulla piattaforma e una verifica finale permette di monitorare i propri apprendimenti. 

Basato sulle normative più recenti e aggiornato costantemente, il corso è pensato come un supporto in ogni fase dell'attività scolastica: dalla programmazione iniziale, sia individuale che di istituto, alla normale pratica didattica. 

Quando un docente varca la soglia di un'aula, ha di fronte a sé un universo eterogeneo composto da alunni due volte unici: come insieme e come individui. È questo che rende originale e irripetibile il lavoro dell'insegnante: egli infatti si confronta quotidianamente con la propria classe e con il proprio team, pianifica interventi mirati sugli studenti e sperimenta strategie didattiche che arrivino ad ogni singolo allievo.

È ormai appurato però che il focus sia spostato sulle caratteristiche dei singoli alunni, sulle loro peculiarità ed eccezionalità. Gli insegnanti, perciò, per adeguarsi devono adoperare nuove modalità di insegnamento, nuove capacità di progettazione e di ideazione, nuova volontà di mettersi in gioco accettando le sfide educative contemporanee e, soprattutto, devono mostrare una volontà di cambiamento sostenuta dall'acquisizione di nuove pratiche didattiche. L'insegnante, cioè, deve reinventare il proprio ruolo e la propria professionalità per superare le difficoltà che una società sempre più complessa pone.

Questa proposta di formazione considera tali concetti come fondamentali e propone una serie di moduli incentrati sulla gestione della classe e in particolare sulla gestione della classe difficile. Come osserva Dario Ianes, professore di pedagogia speciale e didattica speciale all'Università di Bolzano, «è la scuola che osserva i singoli ragazzi, ne legge i bisogni, li riconosce e di conseguenza mette in campo tutti i facilitati possibili» rimuovendo le barriere all'apprendimento, al di là delle etichette diagnostiche. Questo è il compito che il docente deve porsi e questo corso tenta di offrire una proposta valida e soprattutto spendibile immediatamente in classe: la fase iniziale è dedicata al contesto classe nella sua forma attuale, divisa spesso tra disagio e bisogni educativi speciali; la seconda offre una serie di suggerimenti teorici e pratici incentrati sulla personalizzazione dell'insegnamento e sulle strategie didattiche inclusive. Un'ultima parte, infine, verrà dedicata a importanti risorse digitali che i docenti possono utilizzare nella propria quotidianità didattica.

I curatori, in fase di pianificazione del corso, hanno selezionato tra tante proprio queste tematiche perché ritengono che esse siano necessarie all'azione didattica quotidiana. Ad un'analisi dell'offerta formativa esistente, però, esse restavano o laterali o superficiali. Da ciò è nata l'esigenza di strutturare un corso volto a colmare quelle lacune e mirato alla realizzazione di una didattica davvero inclusiva.

Il corso è rivolto prevalentemente a dirigenti scolastici ed ai nuclei di autovalutazione.
E' un utile supporto alla lettura ed alla interpretazione dei dati rilasciati da Invalsi in vista della compilazione del RAV e della predisposizione del piano di miglioramento.
Nell'anno scolastico 2015/2016, il MIUR ha comunicato alle scuole le Linee di orientamento per azioni di prevenzione e di contrasto al bullismo ed al cyberbullismo, proponendo la revisione dei processi messi in atto per una messa a punto di un nuovo piano strategico di intervento che tenga conto dei mutamenti sociali e tecnologici che informano l'universo culturale degli studenti (MIUR, 2015, p. 6).
Questo lavoro nasce per aiutare i docenti e le scuole a rispondere alla richiesta del MIUR, sviluppando nuove concezioni strategiche per affrontare il bullismo e il cyberbullismo.
Auguriamo a tutti una buona lettura e partecipazione.
Il gruppo di lavoro
IRSEF-IRFED di Frosinone